Riportiamo il link di riferimento ad un’intervista molto interessante pubblicata su QualEnergia.it e rivolta all’ingegner Pietro Pacchione, direttore operativo della società Green Utility SpA e membro del consiglio direttivo di Assorinnovabili.

L’oggetto dell’intervista (recuperabile qui) è quello di chiarire perché in Europa non si sia mai sviluppata una forte industria fotovoltaica in grado di competere con le altre big mondiali.

Vi consigliamo di legger tutta, è questione di due o tre minuti. Ad ogni modo, ci permettiamo di fare un paio di osservazioni. Quello che emerge, anzitutto, è che ancora una volta a dettare le regole del mercato sono le economie di scala. Laddove è possibile per un’impresa pianificare volumi di produzione maggiori e, quindi, naturalmente, volumi di vendita maggiori, la stessa può competere meglio nel mercato grazie ad una politica di prezzo competitiva.

E la politica non si pone certo contro ad un tale modello economico, sostenendolo con diversi meccanismi incentivanti o agevolativi (si vedano alcuni esempi proprio nell’articolo).

Come dire, “Piccolo è bello, grande è sovvenzionato”, come ci ricorda Steven Gorelick nell’omonimo testo da lui pubblicato.

E allora, il futuro per le rinnovabili in Italia è destinato ad essere relegato ad un’economia locale di nicchia con forte proiezione per l’ “esportazione del lavoro” all’estero?

Speriamo di no.

Quello che noi Sentinelle ci sentiamo di dire è che è possibile cercare una soluzione, un modello economico, tale da rendere ancora appetibili le rinnovabili in Italia, intervenendo proprio nelle regole di mercato, cercando di mettere il Piccolo nel Grande, oppure rendendo Grande il Piccolo, o come meglio vogliate chiamare la cosa. Il riferimento è ai gruppi di acquisto, per i quali ad ogni modo la sfida attuale, nell’era post incentivi, è molto più ardua rispetto a prima e richiede un confronto appunto con il “Grande” al fine di impostare la logica dei gruppi di acquisto su una scala più competitiva.

Bologna - 18/09/2012 - l'impianto fotovoltaico del CAAB Centro AgroAlimentare Bolognese (Photo by Roberto Serra / Iguana Press), fonte flickr

Bologna – 18/09/2012 – l’impianto fotovoltaico del CAAB Centro AgroAlimentare Bolognese (Photo by Roberto Serra / Iguana Press), fonte flickr