Le Autoletture dei Contatori dell'Elettricità e del Gas

Consigli su perché e come effettuare le autoletture dei contatori

L’autolettura del contatore dell’elettricità e del contatore del gas sono delle buone pratiche che possiamo adottare per conoscere i nostri consumi effettivi, evitando di ricevere delle bollette basate su consumi stimati, poi soggetti a conguaglio.

La possibilità dell’autolettura è stata prevista dall’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico, ora Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente (ARERA) all’interno del Testo Integrato in Materia di Fatturazione.

In realtà, come vedremo meglio qui di seguito, ci sono dei casi in cui l’autolettura non è consentita. Cercheremo quindi di spiegarvi meglio quali possibilità vi siano, distinguendo fra contatore dell’elettricità e contatore del gas.

CONTATORE DELL’ELETTRICITA’

Oggigiorno molte famiglie sono dotate di contatori dell’elettricità intelligenti abilitati alla telettura. Questo significa che il contatore effettua periodicamente in automatico la comunicazione dei dati di consumo al distributore, che a sua volta li invia al fornitore di energia per la fatturazione dei consumi nella bolletta. Si pensi che l’Italia è tuttora il primo Paese al mondo per numero di contatori intelligenti dell’energia elettrica in servizio, pari a 35 milioni (informazioni tratte dal sito di ARERA).

Può capitare però che per qualche ragione le teleletture non arrivino al nostro fornitore di energia. Ad esempio, per un ritardo nella comunicazione da parte del distributore, oppure per problemi tecnici legati al contatore e alle modalità con le quali invia i dati. Potete trovare maggiori informazioni al riguardo in questo articolo di ènostra.

Se invece il vostro contatore non è abilitato alla telelettura, a maggior ragione vi consigliamo di fare l’autolettura.

Quindi il nostro consiglio è quello di inviare in ogni caso le autoleletture al distributore e di controllare che i consumi riportati nella bolletta siano allineati con queste letture. L’unica accortezza da avere è quella di controllate che il contratto che avete con il vostro fornitore vi permetta di effettuare le autoletture.

Al riguardo, se siete nel regime di maggior tutela, le autoletture sono consentite. Per la maggior parte degli utenti italiani, il servizio di maggior tutela è gestito da Servizio Elettrico Nazionale, la società del Gruppo Enel che gestisce il servizio di maggior tutela nelle aree nelle quali E-Distribuzione è concessionaria del servizio di distribuzione. Sul proprio sito, Servizio Elettrico Nazionale riporta tutte le informazioni occorrenti per effettuare l’autolettura (vedi qui) e mette a disposizione anche una Guida all’Autolettura, un video interattivo che spiega in modo molto efficace come e quando poterla effettuare. Per finire, la comunicazione dei dati può essere effettuata anche online (oltre che telefonicamente) accedendo alla propria area privata nel portale di Servizio Elettrico Nazionale.

Analogamente, se avete stipulato un contratto nel mercato libero con un fornitore che vi permette di effettuare l’autolettura, potrete comunicargli telefonicamente o online i dati.

 

 CONTATORE DEL GAS

Per quanto riguarda i contatori del gas, vi consigliamo di leggere l’articolo di QualEnergia.it dedicato alla sostituzione dei vecchi contatori con i nuovi contatori elettronici abilitati alla telelettura.

In questo articolo sono riportati utili consigli per le famiglie che ancora devono sostituire il proprio contatore. Innanzitutto, vengono date indicazioni su come poter riconoscere i tecnici incaricati della sostituzione dei contatori. Inoltre, viene consigliato di fare una foto al vecchio contatore al momento della sostituzione, da cui si possa leggere il valore dei metri cubi registrati, al fine di poter avere un riferimento a partire dal quale poter controllare le successive bollette, evitando l’applicazione di conguagli molto costosi.

L’articolo inoltre evidenzia come dall’anno scorso i distributori siano all’opera per sostituire i vecchi contatori con dei contatori elettronici. Ad esempio, Italgas Reti ha evidenziato come al 30 giugno 2017 risultano installati il 27% dei propri contatori, pari a circa 1’680’000 contatori e l’obiettivo è di arrivare al 31 dicembre 2018 con il 52% dei contatori installati, a fronte di un obiettivo minimo del 50% fissato dall’Autorità (per l’obiettivo minimo dei contatori, si veda anche la pagina dedicata di ARERA).

In ogni caso, sia che disponiate di un contatore abilitato alla telelettura, sia che non lo abbiate, l’autolettura dei propri consumi è sempre consigliata, come descritto nell’articolo dedicato di sostariffe.it. Tipicamente sono gli stessi fornitori del gas a indicare nella bolletta quando è possibile effettuare l’autolettura. Per i vecchi contatori, l’autolettura va effettuata leggendo i numeri riportati su sfondo nero, escludendo quelli prima della virgola.

Maggiori informazioni sulle autoletture e su come vengono calcolati i consumi fatturati in bolletta sono disponibili in questo articolo, sempre di sostariffe.it.