I Bonus Elettricità e Gas

Il sostegno ai più bisognosi per il pagamento di elettricità e gas

 

Se volete un aiuto per fare domanda per i bonus elettricità e gas, potete mettere un commento in fondo all’articolo, oppure potete scriverci a [email protected]

Il bonus Elettricità e il bonus Gas sono degli sconti sulla bolletta promossi del Governo e resi operativi dall’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente (ARERA) con la collaborazione dei Comuni, per assicurare un risparmio sulla spesa per l’energia alle famiglie in difficoltà economica o numerose. Per la bolletta elettrica, esiste anche un bonus per gravi condizioni di salute in favore delle famiglie in cui viva una persona che abbia problemi di salute che richiedano l’utilizzo di una apparecchiatura medicale.

Possono accedere ai bonus elettricità e gas famiglie con ISEE non superiore a 8’107,5 euro se con non più di 3 figli a carico, oppure famiglie con ISEE non superiore a 20’000 euro se con più di 3 figli a carico. Inoltre, per il bonus gas il misuratore del gas non deve essere di classe superiore a G6.

Per fare domanda del bonus, è necessario presentare una modulistica specifica, assieme al proprio documento di identità, presso il Comune di residenza del titolare della fornitura di elettricità e gas, o presso un altro ente designato dal Comune (CAF, Comunità Montana). Per il Comune di Pesaro, si può presentare domanda presso lo sportello dell’Informa e Servizi.

Il valore del bonus elettricità dipende dal numero di componenti della famiglia anagrafica ed è aggiornato annualmente dall’ARERA. Per l’anno 2017 il bonus corrisponde a 112 euro nel caso di nucleo familiare composto da 1-2 componenti, 137 euro nel caso di nucleo composto da 3-4 componenti e di 165 euro nel caso di nucleo composto da oltre 4 componenti.

il valore del bonus gas dipende dal numero di componenti della famiglia anagrafica ed è aggiornato annualmente dall’Autorità. Gli importi previsti sono differenziati rispetto alla categoria d’uso associata alla fornitura di gas, alla zona climatica di appartenenza del punto di fornitura e al numero di componenti della famiglia anagrafica (persone legate da vincoli di matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli affettivi, coabitanti ed aventi la medesima residenza). Per l’anno 2017 il bonus gas varia da un minimo di 31 euro per famiglie fino a 4 componenti per la destinazione d’uso ad acqua calda sanitaria e/o uso cottura, fino a un massimo di 266 euro per famiglie oltre a 4 componenti per la destinazione d’uso ad acqua calda sanitaria e/o uso cottura più riscaldamento.

Recentemente uno studio condotto da 15 associazioni, principalmente di consumatori, coinvolte all’interno del progetto “Bonus a sapersi”, ha evidenziato che su base annua, solo il 34% degli aventi diritto al bonus elettricità e il 27% degli aventi diritto al bonus gas ne ha usufruito, presentando la domanda necessaria per accedervi.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *