Diminuire la Povertà

Definire la Povertà

Povertà estrema, povertà assoluta, povertà relativa. Esistono diverse definizioni di povertà, come diverse sono le cause per cui una persona o una famiglia vengono a trovarsi in condizione di povertà. Qui cercheremo di capire cosa significhi essere poveri in Italia, nel mondo e in territori specifici di particolare interesse per noi, come ad esempio i campi rifugiati e l’India e vi mostreremo i progetti realizzati, i progetti in corso e quelli che vorremmo realizzare per poter dare il nostro piccolo contributo alla riduzione della povertà.

La pagina è tuttora in lavorazione. Oltre ai contenuti riportati più in basso, vi consigliamo di vedere gli approfondimenti sulla povertà che abbiamo preparato e pubblicato nel blog del nostro vecchio sito.

La povertà in Italia
Definizione di povertà

Come già indicato in introduzione, esistono diverse definizioni di povertà. Qui vogliamo concentrarci sulle definizioni di povertà intese in senso materiale o economico, in quanto sono spesso accompagnate da situazioni di malessere da parte dell’individuo o della famiglia che si trovano a dovervi far fronte.

Al proposito, l’Istituto Nazionale di Statistica in Italia parla di povertà assoluta e povertà relativa.

A questo link, riportiamo quindi maggiori informazioni sulle definizioni di povertà assoluta e povertà relativa.

I dati sulla povertà in Italia

Ogni anno l’ISTAT pubblica un report sulla povertà assoluta e relativa in Italia, ottenuto elaborando i dati dell’indagine sulle spese per consumi delle famiglie. L’indagine coinvolge ogni anno circa 28’000 famiglie residenti in 480 Comuni italiani di diversa ampiezza demografica, tra i quali sono compresi tutti i comuni capoluogo di provincia. Le famiglie sono scelte in modo casuale dalle liste anagrafiche comunali, con una strategia di campionamento finalizzata a restituire “un campione statisticamente rappresentativo delle famiglie residenti in Italia e delle variabili oggetto di indagine” (indagine sulle spese per consumi delle famiglie).

A questo link, potete trovare i dati relativi alla povertà assoluta e relativa stimate in Italia per il 2016.

 

I dati sulla povertà a Pesaro e Provincia

Per quanto riguarda la povertà nel nostro territorio, al momento la fonte di maggiori informazioni è rappresentata dalla Caritas diocesana. Questa, con il proprio Centro di Ascolto, arricchita quest’anno dal supporto di 25 realtà Caritas parrocchiali, ha aiutato nel 2016 a Pesaro e dintorni 7’500 persone, con 40’000 contatti (persone che si sono presentate più volte da inizio anno) e con la distribuzione di pacchi viveri a 1’500 famiglie. Inoltre, sono state assistite 1’600 persone di cui 800 senza fissa dimora (si vedano l’articolo de IlFoglia.it e l’articolo di Altro Giornale Marche). Considerato che il numero di abitanti residenti nel Comune di Pesaro è 94’813 (si veda l’Annuario demografico 2016 comunale), abbiamo quindi un’incidenza di circa 7,9% individui che si affidano al sostegno della Caritas per necessità di carattere economico.

Misure assistenziali pubbliche per ridurre la povertà

contenuto in fase di aggiornamento

Le misure assistenziali pubbliche volte a ridurre la povertà delle famiglie e degli individui sono numerose, ma non sono sempre facilmente accessibili e si basano su fondi pubblici, statali o degli enti locali, di entità non sufficiente ad eradicare completamente la povertà assoluta. Di seguito si riporta un elenco delle misure di sostegno disponibili per gli individui residenti in Italia che si trovino in stato di povertà, come anche le misure di sostegno per rifugiati e profughi, i quali tendenzialmente sono ascrivibili ad una categoria di povertà che necessità di particolari forme di sostegno.

 

MISURE DI SOSTEGNO PER I RESIDENTI

  • Misure di sostegno per i non residenti
    • misure di sostegno per i rifugiati;
    • misure di sostegno per i profughi;
Il contributo del Terzo Settore per la riduzione della povertà
contenuto presto disponibile
I nostri progetti per ridurre la povertà
contenuto presto disponibile