Caldaie Moderne ad Alto Rendimento

Caratteristiche e vantaggi delle caldaie a premiscelazione

Introduzione generale alle caldaie

Per una introduzione generale sulle caldaie, clicca qui.

Informazioni Introduttive sulle Caldaie Moderne ad Alto Rendimento (a premiscelazione)

La Legge nr. 9 del 1991 e il collegato D.M. 15 febbraio 1992 stabiliscono che una caldaia può essere qualificata come “ad alto rendimento” se ha un “rendimento a regime” almeno pari o superiore al 90%.

Il rendimento a regime indica il rendimento che offre la caldaia quando opera alla propria massima potenza, il che si rende necessario durante i periodi più freddi. In questo contesto, le caldaie tradizionali presentano una efficienza media dell’ 85%-86%. Questa efficienza può ridursi anche di 5 punti percentuali nei periodi meno freddi. Ciò è dovuto al fatto che le caldaie tradizionali sono dotate di un bruciatore in cui l’aria comburente viene inviata con un flusso costante alla camera dove avviene la combustione, il che impedisce che ci sia una miscelazione ottimale a tutte le potenze/carichi di lavoro. A partire dal 1991 sono stati fatti importanti progressi nelle tecnologie delle caldaie domestiche, tanto che oggi giorno è importante tenere conto non solo del “rendimento a regime”, ma anche del “rendimento a potenza/carico ridotto”.

Le caldaie moderne ad alto rendimento includono le caldaie a premiscelazione e le caldaie a condensazione. Queste ultime poi spesso sono dotate della premiscelazione.

Qui vi parliamo delle caldaie a premiscelazione, mentre per le caldaie a condensazione potete andare qui.

Le caldaie a premiscelazione sono dotate di un particolare bruciatore che fa si che la combustione avvenga sempre in condizioni ottimali di bilanciamento fra gas metano e aria comburente. Grazie a questo il loro rendimento si mantiene costante al variare della potenza/carico di lavoro. Si chiamano a premiscelazione perché in queste caldaie la miscela gas e aria viene prima preparata, o premiscelata appunto e poi viene mandata in camera di combustione.

Con l’entrata in vigore della Direttiva 2009/125/CE sugli Energy related Product (ErP), anche nota come Direttiva Ecodesign, è stato fatto divieto di produrre caldaie tradizionali e caldaie moderne non a condensazione a partire dal 26 settembre 2015. Pertanto la possibilità di acquistare ed installare una caldaia moderna ad alto rendimento è vincolata alla disponibilità nel mercato di caldaie prodotte prima di tale data.

Alcuni modelli tuttora disponibili nel mercato hanno efficienze nominali del 93%, che possono arrivare al 97% in condizioni di carico parziale. Talvolta invece le prestazioni a carico parziale si riducono, tanto che le prestazioni possono passare dall’essere superiori al 90% fino ad arrivare al di sotto del 90%.

 

 

Potenze Disponibili per le Caldaie Moderne ad Alto Rendimento (a premiscelazione)

Le caldaie moderne ad alto rendimento sono disponibili in diverse taglie, adatte per appartamenti aventi diverse dimensioni e quindi fabbisogni energetici diversi.

Ad esempio, per piccoli appartamenti, è possibile installare caldaie aventi una portata termica nominale compresa fra un minimo di 10,5 kW e un massimo di 18/24,5 kW.

Per fabbisogni energetici maggiori, è possibile ricorrere a caldaie aventi una potenza termica nominale compresa fra un minimo di 10 kW e un massimo di 34,8 kW.

 

 

 

L'etichetta energetica per le caldaie a premiscelazione

Il Regolamento 811/2013/UE ha introdotto delle integrazioni al Regolamento 2010/30/UE in materia di etichettatura energetica degli apparecchi per il riscaldamento dell’ambiente, degli apparecchi di riscaldamento misti, degli insiemi di apparecchi per il riscaldamento d’ambiente, dispositivi di controllo di temperatura e dispositivi solari e degli insiemi di apparecchi per il riscaldamento misti, dispositivi di controllo di temperatura e dispositivi solari.

Ai sensi del Regolamento, le caldaie a premiscelazione tipicamente si trovano tipicamente ad avere le seguenti classi energetiche:

  • per il riscaldamento degli ambienti, classe energetica C;
  • per il riscaldamento dell’acqua calda sanitaria, classe energetica B o C;

Sebbene la classe di efficienza energetica sia ben inferiore rispetto a quella delle caldaie a condensazione o a quella delle pompe di calore, possono sussistere casi in cui si riveli più conveniente la scelta delle caldaie a premiscelazione rispetto alle altre caldaie più efficienti. In particolare, questo si verifica nel caso di appartamenti con un basso grado di isolamento e con corpi scaldanti rappresentati da radiatori che non risultano sovradimensionati rispetto ai fabbisogni energetici della casa, tale da richiedere un loro funzionamento alle alte temperature. In altre parole, alle alte temperature le caldaie a condensazione e le pompe di calore tendono a diminuire di molto la propria efficienza e, nel caso di scarso isolamento della propria casa, può risultare preferibile optare per una caldaia a premiscelazione.

 

Incentivi per le Caldaie a Premiscelazione

Le caldaie moderne ad alto rendimento del tipo a premiscelazione possono beneficiare delle detrazioni fiscali del 50% previste per le ristrutturazioni edilizie.

Per maggiori informazioni, potete leggere la guida dell’Agenzia delle Entrate alle agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie, che potete recuperare a questo link.

Casi Studio di Ritorno Economico dell'Investimento

contenuto presto disponibile

FAQ sulle Caldaie a Premiscelazione

contenuto in fase di lavorazione

1) Quanto costa una caldaia a premiscelazione?

Da una ricerca in rete sui prezzi delle caldaie a premiscelazione, è emerso che la spesa per il loro acquisto e per la loro installazione può essere compresa fra 800 e 1’100 euro.

2) Quanta energia (e denaro) è possibile risparmiare con una caldaia a premiscelazione?

Indicativamente, possiamo dire che il risparmio che si può ottenere grazie ad una caldaia a premiscelazione è di circa 100 euro all’anno.

3) Qual è il tempo di ritorno economico dell’investimento?

Considerando una spesa di 800 euro all’anno, un risparmio di 100 euro all’anno e 40 euro annue di detrazioni fiscali, si ha che il tempo di ritorno economico dell’investimento delle caldaie a premiscelazione è di poco più di 5,5 anni.