Sta per arrivare il grande evento! Dal 27 al 29 giugno p.v. in P.le della Libertà, sarà una sorpresa; intanto leggete l’articolo:
Visto che non possiamo farvi assaggiare sul posto le “delizie” della pasta madre, farò solo una dimostrazione pratica di come si fa il “rinfresco” (attenzione, non è una sorta di aperitivo!) e il pane. Quindi appuntamento il 27 giugno verso le 18, ci sarò anch’io.
Una delle nostre varianti di pane fatto con la pasta madre.

Una delle varianti di pane fatto con la pasta madre, a cura di “nonna Sabina”.

Nel frattempo vi darò delle semplici indicazioni per poter iniziare il vostro rapporto speciale con la “nostra pasta madre” che chiamerei piuttosto “nonna” dato che quest’anno compie 71 anni, me l’anno regalata l’anno scorso, ma aveva già una lunga storia di vita.
Siccome sarebbe impossibile fornirla a tutti, farò un po’ da “centro di smistamento”: darò il via fornendo al primo fortunato della giornata la “dose iniziale”; gli altri che lasceranno i loro dati, faranno parte di un elenco (il gruppo si chiamerà “Pane, amore e fantasia”) dal quale attingere per poter avere la quantità di lievito madre da riprodurre secondo le proprie necessità. La proposta è quella di creare una mailing list per mantenersi tutti in contatto, scambiare ricette e monitorare i progressi che si faranno in questo meraviglioso e creativo mondo. Se però qualcuno non avesse una casella di posta elettronica, troveremo sicuramente un rimedio. Attenti però, sarà come avere un figlio in più: dovrete curare la “pasta madre” come un essere vivente (di fatto è composta da tanti piccoli microrganismi), la alimenterete e vi preoccuperete per la sua salute.
Pasta_Madre_1

La pasta madre di “nonna Sabina” conservata nel suo barattolo.

 Quindi, se vi doveste assentare da casa per lunghi periodi (vacanze?), affidatela a qualcuno, perché altrimenti potreste perdere un “membro della famiglia”.  Mi potrete anche contattare al cellulare (3407768625, meglio ore pasti) o via mail a [email protected] (é gratis).
Vi aspetto numerosi!
Saluti
Sabina
Alleghiamo le “istruzioni per l’uso”!